mercoledì 20 aprile 2011

La schiacciata della Zia Giulietta....




Bene bene...in questi giorni avevo voglia di un dolce che fosse soffice, profumato,semplice, tradizionale, rassicurante......così mi sono messa alla ricerca, sul web, di un dolcetto con queste caratteristiche imbattendomi nella "Schiacciata fiorentina" di cui, mi vergogno a dirlo, ignoravo l'esistenza......e neanche a farla apposta ho trovato la ricetta  della schiacciata, in questo caso la ricetta segretissima della "Zia Giulietta".....

Ho scoperto che la "schiacciata" è il dolce tipico fiorentino del periodo di Carnevale.
La tradizione,a quanto pare, prevede due ricette: quella che ho realizzato io, più veloce, e un'altra di più lunga preparazione col lievito di birra e doppia lievitazione che preparerò sicuramente in settimana. Si può mangiare semplice, purchè ricoperta da abbondante zucchero a velo, oppure farcita con panna montata o chantilly....io per accontentare un po' tutti i gusti, l'ho servita su un letto di chantilly...che dire....deliziosa e delicata!

 
 LL L' ingrediente segreto non posso svelarlo (l'ho promesso solennemente :-P) ma vi posso svelare un trucchetto: per far venire la torta un po' più giallina ho aggiunto un pizzico di zafferano! (Tra parentesi ho aggiunto qualche piccola modifica che mi sono permessa di fare, sono sicura che "Zia Giulietta" non si offenderà" :-P)

Ingredienti

2 uova
2 etti di farina
1 etto di zucchero
8 cucchiai d'olio
1 buccia d'arancia intera grattata (+il succo)
un bicchiere di latte (avendo aggiunto il succo di arancia, ho ridotto il latte a 10 cucchiai)
1 bustina di lievito
pizzico di sale
(un pizzico di zafferano
una busta di vanillina o semini di vaniglia)


Lavorare uova e zucchero. Aggiungere tutti insieme gli altri ingredienti e lavorarli per ottenere un impasto omogeneo. Imburrare una teglia e spolverarla di farina. Mettere in forno a 180° per circa 20-25 minuti (ricorda che il sopra non deve fare la crosta marrone!) (-->urka, questa l'ho letta troppo tardi!!!)

Nessun commento:

Posta un commento