martedì 26 agosto 2014

La pasta alla Norma fuori dalla norma - Ravioli di melanzane


Della serie ... come ti metto la Norma nel ripieno. Erano anni .. ma che dico anni, secoli che non facevo i ravioli o comunque un qualsiasi tipo di pasta che fosse ripieno, e questo mi fa fare alcune riflessioni:

1. come passa velocemente il tempo, anche troppo!

2. Siccome il tempo passa velocemente, anche troppo, sto invecchiando.

3. Terza riflessione ma la più importante .... quanto sono diventata pigra in cucina! Molto probabilmente questa pigrizia, anzi quasi sicuramente, è dovuta oltre che alla crisi, soprattutto alla mancanza della lavastoviglie che nella mia casetta proprio non le si riesce a trovare un posticino.

Però, oggi che sono in vena di grandi verità e profonde riflessioni, devo ammettere che la pigrizia non è proprio un male, perchè quando mi riprende la vena culinaria e, diciamoci la verità soprattutto mangereccia, apprezzo di più quello che faccio e lo mangiamo con molto gusto. Dico mangiamo perchè quando mi ci metto mi ci metto sul serio: ho preparato una "scofanata" (passatemi il termine) di ravioli che ho regalato a destra e a manca.

Ok, vi parlo della ricetta che è la cosa che sicuramente vi interessa di più.
Si tratta della classica pasta all'uovo, farcita con: melanzane, ricotta, ricotta salata grattugiata, noce moscata, parmigiano, un uovo per legare, un po' di origano e basilico fresco.

Per le quantità ho usato: 3 melanzane tagliate a cubetti molto piccoli e rosolati in un filo di olio con uno spicchietto di aglio e sale, 400 gr di ricotta, 1 tuorlo, foglioline di basilico spezzettate con le mani, una spolverata di ricotta salata e di parmigiano, sale, pepe, noce moscata, un po' di origano ma pochissimo. 

Per la pasta ho usato 200 gr di farina 00 e 200 gr di farina di semola, impastata con 4 uova.

Ho tirato la sfoglia sottile (con la sfogliatrice Kenwood al n.8), messo un cucchiaino abbondante di ripieno e richiuso.

La melanzana richiede il pomodoro, almeno a mio modesto parere...così ho preparato un sughetto leggero con una dadolata di pomodorini freschi e basilico, appena appena ripassati in padella con olio e aglio e basilico.




Infine una spolverata di cacioricotta della mia zona e .... buon pranzo!!!



Nessun commento:

Posta un commento