lunedì 20 ottobre 2014

Biscotti al farro, cacao e mandorle tostate


In fatto di dolci sono molto volubile. Ci sono periodi in cui detesto i dolci rustici, altri in cui prepararli mi fa sentire bene...l'odore che sprigionano sa di buono, di caldo, di casa, di armonia e serenità. Molto probabilmente dipende tutto dall'umore e dalla situazione del momento...e in questo momento ho bisogno del loro aspetto rassicurante.
Ieri, complice la calma domenicale, il fatto che fossi sola a casa e che ci fosse della farina di farro da smaltire, ho preparato questi piccoli quadrotti croccanti. L'odore di mandorle, cacao e burro in casa era davvero invitante, trovatemi un odore più goloso!!!

Vi regalo questa semplice ricetta, Biscotti al farro, cacao e mandorle, altamente consigliati per la prima colazione perchè ben inzuppolosi! Da consumare non appena sfornati, ma come tutti i biscotti fatti in casa, occorre resistere per almeno un giorno...

Impasto chiaro
100 gr di farina 00
150 gr di farina di farro
50 gr di mandorle tostate e tritate grossolanamente
1 uovo
100 gr di zucchero di canna
100 gr di burro a temperatura ambiente
un pizzico di sale

Impastare tutti gli ingredienti, formare un panetto e avvolgerlo nella pellicola per il riposo in frigo
Impasto al cacao
100 gr di farina 00
120 gr di farina di farro
30 gr di cacao amaro
50 gr di mandorle tostate e tritate grossolanamente
100 gr di zucchero di canna
100 gr di burro a temperatura ambiente
1 uovo
un pizzico di sale

Impastare tutti gli ingredienti e formare un panetto da avvolgere nella pellicola e far riposare in frigo
Formare dei rotolini di impasto bianco e di impasto al cacao, accostare un rotolino all'altro e premere sia lateralmente che in superficie in modo da formare un rettangolo bigusto che taglierete a tocchettini. Oppure potete stendere prima l'impasto chiaro, poi quello al cacao e sovrapporli, ricavandone dei quadratini...potete divertirvi come volete, l'importante che lo spessore rimanga sui 5 o 6 mm.
Infornare a 180° per 15 minuti circa!






Nessun commento:

Posta un commento