lunedì 19 giugno 2017

La Puddica (ricetta tradizionale brindisina) -Cucina vintage

  "La mamma è priparatu la puddica, chena di chiapparini e pumbitori, l'è priparata cu lu granu ti la spiga, è chiena tutta casa pi l'addori"

cantavano nella mia città negli anni '30 (Guarino -Briganti) che tradotto significa

"La mamma ha preparato la puddica, piena di pomodori e capperi, l'ha preparato con la farina di grano, ha riempito casa per l'odore (ottimo aggiungerei io)...

Questa canzone ci fa capire quanto la puddica sia parte della tradizione culinaria della mia città, in particolare in estate e durante i giorni di festa. E' una focaccia abbastanza alta, condita con pomodorini di "pendula", cioè i pomodorini ancora non proprio maturi, legati in modo sapiente ed esperto con lo spago e appesi nelle case, nelle cantine, fuori ai balconi e alle verande, a maturare, conservandosi così, per tutto l'inverno.

Le Pendule - Foto scattata presso la Masseria "Le Stanzie" - Supersano (LE)

La puddica si condisce, poi, anche con capperi sotto sale e olive nere locali.
La particolarità di questa focaccia sta anche nella preparazione e lievitazione: innanzitutto PUDDICA deriva dal latino "pollex", ovvero il pollice, le dita con le quali, dopo aver impastato e steso l'impasto nella teglia, si imprimono i solchi che accoglieranno i pomodori. Per ottenere un buon effetto, fate corrispondere ad ogni solco un nome (per esempio la suocera, se volete :P)
Dopo la prima lievitazione, si stende l'impasto nella teglia leggermente unta di olio, si fanno i solchetti, si spargono i pomodori premendoli un po', i capperi, le olive, si copre e si lascia lievitare ancora per quasi un'oretta...infine, un filo generoso di olio extravergine di oliva (se delle mie parti ed artigianale come il mio, ancora meglio), sale ed origano (magari raccolto lungo la nostra costa ed essiccato al sole!), poi nel forno sino a formare una bella crosticina sul bordo.

Altra particolarità: va gustata bella bollente, appena uscita dal forno (vabbè, giusto un paio di minuti per non scottarvi il palato con i pomodori bollenti)




Questa la mia ricetta: la puddica in foto è stata preparata con la farina ai 5 cereali, ma di solito si prepara con la normale farina 00. Qualsiasi farina deciderete di usare, seguite le mie dosi!

Per l'impasto
500 gr di farina
250 max 275 gr di acqua (io uso acqua minerale a temperatura ambiente)
15 gr di sale
12 gr di lievito di birra*
1 cucchiaino di zucchero
25 gr di olio extravergine di oliva

Per il condimento
300 gr di pomodorini ciliegino
capperi dissalati
olive nere
olio, sale, origano

Impastare tutti gli ingredienti per l'impasto e lavorarli a lungo e bene. Coprire la ciotola con la pellicola e far lievitare per un'oretta. Ungere leggermente due teglie rotonde da 28 di diametro e stendere l'impasto, creando i solchetti con le dita. Condire con i pomodorini tagliati a pezzetti, i capperi, le olive, il sale e l'origano, un bel giro di olio, coprire con un canovaccio e far lievitare ancora per un'oretta.
Infornare a 250° per una ventina di minuti (dipende dal vostro forno).

*Questione lievito: io uso la dose indicata nella mia ricetta per 500 gr di farina ma quando non ho fretta dimezzo la quantità di lievito e raddoppio i tempi di lievitazione.

Nessun commento:

Posta un commento